Variante di tracciato Gioia del Colle - Palagiano Mottola

Scheda

Dati principali

Lunghezza: 39,923 km

Apertura: 1868

Chiusura: 1997-2008

Linea interessata: Bari - Taranto

Ultimo gestore: Ferrovie dello Stato

Elettrificazione: 3000 V CC

Scartamento: Ordinario

Stazioni e fermate: Gioia del Colle, Caputo, Coratini, S. Basilio-Mottola, Castellaneta Città, Castellaneta, Palagianello, Palagiano-Mottola


Altre informazioni

Il tratto effettivamente dismesso si estende per circa 32,2 km, iniziando circa 2,3 km dopo Gioia del Colle e terminando 5,554 km prima di Palagiano-Mottola.


Stato attuale

La linea è ancora armata per quasi l'intera estesa ma invasa dalla vegetazione spontanea e le rotaie sono state tagliate poco prima degli innesti sulla sede in servizio. Nel territorio di Palagianello l'ex-sedime è stato convertito in un percorso ciclopedonale.
Tutti i fabbricati di servizio sono in discrete condizioni.

Mappa

legenda legenda legenda legenda legenda

Immagini

  • Binario abbandonato della vecchia linea tra Gioia del Colle e l'ex-fermata di Coratini. Sulla sinistra la nuova linea a doppio binario (V. Secondo, 2010)

  • Ex-sedime tra Gioia del Colle e Coratini: il binario è stato rimosso ma la massicciata e le traversine sono ancora ben evidenti (V. Secondo, 2010)

  • Ex-sedime ancora armato nei pressi della ex-fermata di Coratini (V. Secondo, 2010)

  • Ex-passaggio sulla strada tra S.Basilio e Castellaneta, nei pressi dell'ex-stazione di S. Basilio-Mottola (V. Secondo, 2010)

  • Ex-casello abbandonato e con le aperture murate nei pressi dell'ex-stazione di S. Basilio-Mottola (M. Ferrante, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di S. Basilio-Mottola, con porte e finestre murate (M. Ferrante, 2015)

  • Ex-stazione di S.Basilio Mottola, in stato di abbandono e invasa dalla vegetazione spontanea (V. Secondo, 2010)

  • Particolare del fabbricato viaggiatori della stazione di S. Basilio-Mottola, con il nome ancora ben leggibile (M. Ferrante, 2015)

  • Altra immagine della ex-stazione di S. Basilio-Mottola (M. Ferrante, 2015)

  • Binario invaso dalla vegetazione nei pressi della ex-stazione di S.Basilio Mottola (V. Secondo, 2010)

  • Binario coperto dalla vegetazione nei pressi della ex-stazione di S.Basilio-Mottola (V. Secondo, 2010)

  • Piazzale della ex-stazione di S. Basilio-Mottola invaso dalla vegetazione spontanea (V. Secondo, 2010)

  • Ex-sottostazione elettrica di S.Basilio-Mottola, in discreto stato di conservazione (V. Secondo, 2010)

  • Alloggi dei ferrovieri in stato di abbandono a S. Basilio-Mottola (V. Secondo, 2010)

  • Binario e palificazione ancora presenti lungo la vecchia sede ferroviaria nei pressi della stazione di S. Basilio-Mottola (M. Ferrante, 2015)

  • Binario abbandonato nei pressi dell'ex-stazione di S. Basilio-Mottola (M. Ferrante, 2015)

  • Terrapieno ferroviario nell'area urbana di Castellaneta, parzialmente asportato in seguito alla costruzione di una strada (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-stazione di Castellaneta (vecchia), con i 3 binari abbandonati e il marciapiede invasi dalla vegetazione spontanea (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-stazione di Castellaneta (vecchia), con la vegetazione che lentamente prende il sopravvento sui binari ancora in sito. Il fabbricato viaggiatori è stato già demolito. (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Altra immagine del piazzale dell'ex-stazione di Castellaneta (vecchia), in stato di abbandono (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Binari abbandonati all'uscita della ex-stazione di Castellaneta (vecchia), in direzione Taranto (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-sedime in località Montecamplo, tra Castellaneta e Palagianello, con il binario ancora in buone condizioni ma la linea aerea smantellata (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Sottopasso stradale in località Montecamplo, tra Castellaneta e Palagianello. Sullo sfondo si intravede la nuova linea (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Sottopasso della linea originaria in località Montecamplo, sostituito già in passato da uno adiacente (visibile in secondo piano), anch'esso oggi abbandonato (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-viadotto di S. Stefano, tra Castellaneta e Palagianello, in buono condizioni di conservazione (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-viadotto di S. Stefano, con il sedime ancora armato e ben conservato (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Resti dell'originario viadotto di S. Stefano, sostituito nel 1930 da una nuova struttura adicente poi abbandonata con il raddoppio della linea (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Sedime nascosto dalla vegetazione spontanea tra Castellaneta e Palagianello, con una rotaia che ancora emerge dalla strada comunale (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Ex-sedime ancora armato ma in stato di degrado tra Castellaneta e Palagianello (G. D'Ambrosio, 2012)

  • Viadotto S. Lucia, nei pressi di Palagianello, riutilizzato come percorso ciclo-pedonale (M. Ferrante, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Palagianello, in discreto stato di conservazione (M. Ferrante, 2015)

  • Locomotiva FS 851.113, monumentata nel piazzale della ex-stazione di Palagianello (M. Ferrante, 2015)