Ferrovia Verona Porta S. Giorgio -Domegliara (SAER) - Affi - Caprino Veronese

Scheda

Dati principali

Lunghezza: 34,109 km

Apertura: 1889-1904

Chiusura: 1957-1959

Ultimo gestore: Società Anonima Esercizi Riuniti

Elettrificazione: no

Scartamento: Ordinario

Stazioni e fermate: Verona Porta S. Giorgio, Quinzano, Parona, Arbizzano, Negrar, Pedemonte, S. Floriano, S. Pietro Incariano, Gargagnago, S. Ambrogio di Valpolicella, Domegliara (SAER), Sega di Cavaion, Affi, Albarè, Costermano, Pesina, Caprino


Stato attuale

Poche le tracce residue della sede ferroviaria che, più evidenti all’altezza di Parona, sull’ultimo tronco soppresso, tendono a scomparire avvicinandosi al centro città. In buone condizioni rimangono in genere i fabbricati di stazione e le fermate. Nell’area della stazione di Verona Porta San Giorgio, demolita negli anni ‘60, è stato realizzato un parco pubblico.

Mappa

legenda legenda legenda legenda legenda

Immagini

  • Vecchio ponte in ferro su una strada secondaria nei pressi di Sega di Cavaion (S. Persi, 2015)

  • Resti del ponte in ferro sul torrente Tasso tra Sega di Cavaion e Affi (S. Persi, 2015)

  • Altra immagine di ciò che resta del ponte in ferro sul torrente Tasso tra Sega di Cavaion e Affi (S. Persi, 2015)

  • Altro ponte in ferro sul torrente Tasso tra Sega di Cavaion e Affi (S. Persi, 2015)

  • Ex-casello diroccato tra Sega di Cavaion e Affi (S. Persi, 2015)

  • Altra immagine di un casello fatiscente e abbandonato tra Sega di Cavaion e Affi (S. Persi, 2015)

  • Punto in cui l'ex-ferrovia incrocia, nei pressi di Affi, l'autostrada del Brennero, costruita alcuni anni dopo la chiusura della linea (S. Persi, 2015)

  • Ex-stazione di Affi, ben conservata ed adibita ad altro uso (L. Baldo, 2009)