Ferrovia Porto S. Giorgio - Amandola

Scheda

Dati principali

Lunghezza: 56,964 km

Apertura: 1908

Chiusura: 1955-1956

Ultimo gestore: Ferrovia Adriatico Appennino

Elettrificazione: 2600 V CC

Scartamento: 950 mm

Stazioni e fermate: Porto S. Giorgio, Porto S. Giorgio (FAA), Castiglione, Fermo S. Lucia, Monteurano-Rapagnano, Girola, Grottazzolina, Magliano di Tenna, Montegiorgio, Belmonte Piceno, Monteverde, Falerone, Servigliano, S. Vittoria in Matenano, Monte S. Martino, Montefalcone Appennino, Marnacchia, Amandola


Altre informazioni

In corrispondenza del casello n. 4, tra Castiglione e Fermo S. Lucia, si staccava una diramazione di 2,312 km avente carattere tranviario che saliva con pendenze del 70‰ a Largo Calzecchi, nel centro storico di Fermo. Il servizio su tale diramazione prevedeva convogli diretti da Porto S. Giorgio, che fino al casello n. 4 percorrevano la linea principale per Amandola.


Stato attuale

Poche le tracce ancora visibili della linea. La sede ferroviaria è riconoscibile solo a tratti, tra Porto S. Giorgio e Fermo e tra Servigliano e Amandola, spesso interrotta dai campi coltivati in cui è stata inglobata o trasformata in strada all'interno dei centri urbani. Un lungo tratto di ex-sedime, tra Fermo e Grottazzolina, è stato trasformato nella SP157.

Mappa

legenda legenda legenda legenda legenda

Immagini

  • La stazione di Fermo S. Lucia in una cartolina d'epoca (archivio P. A. Marchese)

  • Stazione di Porto S. Giorgio (FS), di fronte a cui partiva la ferrovia per Amandola (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Porto S. Giorgio (FAA), in buono stato di conservazione (M. Martelli, 2014)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Porto S. Giorgio (FAA) (A. Stigliani, 2015)

  • Particolare della ex-stazione di Porto S. Giorgio (FAA), con la denominazione della ferrovia di appartenenza ben conservata (M. Martelli, 2014)

  • Ex-passaggio a livello con la S.S. 16, completamente cancellato dall'odierna viabilità (A. Stigliani, 2016)

  • Ex-sedime in uscita da Porto S. Giorgio, trasformato in una strada comunale (A. Stigliani, 2016)

  • Altra immagine dell'ex-sedime in uscita da Porto S. Giorgio, trasformato in una strada comunale (A. Stigliani, 2016)

  • Breve tratto di ex-sedime divenuto un percorso ciclopedonale alla periferia di Porto S. Giorgio (A. Stigliani, 2016)

  • Pista ciclopedonale realizzata sull'ex-sedime alla periferia di Porto S. Giorgio (A. Stigliani, 2016)

  • Ex-sottopassaggio ferroviaria nei pressi del cimitero di Fermo, ora adibito alla viabilità ordinaria (M. Martelli, 2014)

  • Ex-casello n. 4, da cui si staccava la diramazione per Fermo Città (M. Martelli, 2014)

  • Portale, lato Porto S. Giorgio, della galleria Vinci, lungo la diramazione per Fermo Città (M. Martelli, 2014)

  • Portale, lato Fermo Città, della galleria Vinci, con all'interno un ricordo della vecchia ferrovia (M. Martelli, 2014)

  • Largo Calzecchi a Fermo, dove vi era il capolinea della breve diramazione per la città (M. Martelli, 2014)

  • Ex-stazione di Fermo S. Lucia, in condizioni fatiscenti (M. Martelli, 2014)

  • Ex-stazione di Fermo S. Lucia, con il fabbricato viaggiatori abbandonato e il piazzale usato dagli autobus (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato di servizio della ex-stazione di Fermo S. Lucia, in pessimo stato (M. Martelli, 2014)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Monteurano-Rapagnano, ristrutturata ed adibita ad altri usi (A. Stigliani, 2015)

  • Piazzale della ex-stazione di Monteurano-Rapagnano, trasformato in parcheggio (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-fermata di Girola (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato di servizio a custodia del passaggio a livello con l'attuale S.P. 60, nei pressi di Grottazzolina, in condizioni fatiscenti (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-sedime divenuto una strada campestre nei pressi della stazione di Grottazzolina (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Grottazzolina, in stato di abbandono (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Grottazzolina, in condizioni fatiscenti (M. Massetti, 2008)

  • Altra immagine del fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Grottazzolina (A. Stigliani, 2015)

  • Particolare dell'ingresso della ex-stazione di Grottazzolina (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Montegiorgio, ristrutturata, ampliata e trasformata in scuola (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Montegiorgio, trasformato in scuola (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Belmonte Piceno, con evidenti resti della massicciata (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Belmonte Piceno, ridotto a un rudere (A. Stigliani, 2015)

  • Altra immagine della ex-stazione di Belmonte Piceno (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Falerone (A. Stigliani, 2015)

  • Altra immagine della ex-stazione di Falerone (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-viadotto, stradale e ferroviario, sul fiume Tenna tra Falerone e Servigliano, parzialmente crollato (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-viadotto sul fiume Tenna tra Falerone e Servigliano, parzialmente crollato (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Servigliano, ristrutturata e trasformata in centro culturale (A. Stigliani, 2015)

  • Particolare dell'ingresso della ex-stazione di Servigliano (A. Stigliani, 2015)

  • Rilevato ferroviario ancora riconoscibile tra i campi coltivati tra Servigliano e l'ex-stazione di S. Vittoria in Matenano (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di S. Vittoria in Matenano, ristrutturato e adibito ad usi sociali (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di S. Vittoria in Matenano, in ottimo stato di conservazione (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-sedime inerbito accanto alla S.P. 239 tra le ex-stazioni di Monte S. Martino e Montefalcone (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-sedime ancora riconoscibile accanto alla S.P. 239 tra le ex-stazioni di Monte S. Martino e Montefalcone A. (A. Stigliani, 2015)

  • Ponte sul Fosso Cortegliano tra Monte S. Martino e Montefalcone (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Montefalcone Appennino, divenuta sede di esercizi commerciali (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-stazione di Montefalcone A., in buono stato di conservazione (A. Stigliani, 2015)

  • Viadotto su un fosso nei pressi dell'ex-stazione di Montefalcone A. (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-sedime inerbito tra la stazione di Montefalcone e l'ex-fermata di Marnacchia (A. Stigliani, 2015)

  • Tratto di ex-sedime riutilizzato come strada campestre tra Montefalcone e l'ex-fermata Marnacchia (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-viadotto nei pressi del lago artificiale di S. Ruffino, tra la stazione di Montefalcone e la fermata di Marnacchia (M. Massetti, 2008)

  • Viadotto nei pressi del lago artificiale di S. Ruffino, tra la stazione di Montefalcone e la fermata di Marnacchia (A. Stigliani, 2015)

  • Viadotto in discreto stato di conservazione nei pressi del lago di S. Ruffino (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-fermata di Marnacchia (A. Stigliani, 2015)

  • Altra immagine della ex-fermata Marnacchia (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-viadotto stupendamente inserito nel paesaggio nelle vicinanze di Amandola (M. Massetti, 2008)

  • Ex-viadotto sul Fosso Callugo tra l'ex-fermata Marnacchia e Amandola (A. Stigliani, 2015)

  • Ex-viadotto sul Fosso Callugo, nelle vicinanze di Amandola (M. Massetti, 2008)

  • Tratto di ex-sedime utilizzato come strada campestre (M. Massetti, 2008)

  • Ex-stazione di Amandola, ancora abitata (M. Massetti, 2008)

  • Ex-stazione di Amandola, abitata e in discreto stato di conservazione (A. Stigliani, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Amandola (A. Stigliani, 2015)

  • Particolare della ex-stazione di Amandola, con il nome ancora ben leggibile (A. Stigliani, 2015)