Ferrovia Modena - Crevalcore - Decima - Porotto

Scheda

Dati principali

Lunghezza: 59,195 km

Apertura: 1909-1916

Chiusura: 1956

Ultimo gestore: Società Veneta

Elettrificazione: no

Scartamento: Ordinario

Stazioni e fermate: Modena, Navicello, Nonantola, La Grande, Ravarino, Crevalcore, Decima, Morando, Cento, Renazzo-Corpo Reno, Dosso, S. Agostino, S. Carlo, Mirabello, Vigarano Mainarda, Porotto


Stato attuale

La sede ferroviaria è quasi sempre rintracciabile con una certa facilità e continuità. Poco dopo Crevalcore si ritrova addirittura il binario che veniva utilizzato, anche dopo la chiusura della linea, come raccordo per un locale zuccherificio, ormai chiuso da decenni.
Il fabbricato viaggiatori dell’ex-stazione di Porotto è relativamente in buono stato ma abbandonato, mentre gli altri fabbricati di stazione sono in genere ben tenuti e spesso abitati.

Mappa

legenda legenda legenda legenda legenda

Immagini

  • Ex-stazione di Nonantola, in discreto stato di conservazione (M. Martelli, 2008)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Nonantola, abitato da privati (A. Giordano, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Nonantola, lato binari (A. Giordano, 2015)

  • Altra immagine del fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Nonantola, lato binari (A. Giordano, 2015)

  • Deposito locomotive della ex-stazione di Nonantola, restaurato e ottimamente conservato (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello in via S. Lorenzo a Nonantola, divenuto un'abitazione privata (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello in via S. Lorenzo a Nonantola, restaurato e ben conservato (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello, ben conservato e abitato, tra Nonantola e la stazione di La Grande (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello, parzialmente diruto, tra Nonantola e l'ex-stazione La Grande (A. Giordano, 2015)

  • Ex-stazione di La Grande, utilizzata come abitazione, in ottimo stato di conservazione (A. Giordano, 2015)

  • Ex-stazione di La Grande, in ottimo stato di conservazione (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello, ristrutturato ed abitato, nei pressi della stazione di Ravarino (A. Giordano, 2015)

  • Ex-stazione di Ravarino, ben conservata e abitata da privati (M. Martelli, 2008)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Ravarino, utilizzata come abitazione (A. Giordano, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Ravarino, lato binari (A. Giordano, 2015)

  • Magazzino merci della ex-stazione di Ravarino, in stato di abbandono (M. Martelli, 2008)

  • Magazzino merci della ex-stazione di Ravarino, in condizioni fatiscenti (A. Giordano, 2015)

  • Magazzino merci della ex-stazione di Ravarino, con il tetto crollato (A. Giordano, 2015)

  • Altra immagine del degrado in cui versa il magazzino merci della ex-stazione di Ravarino (A. Giordano, 2015)

  • Ex-sedime nei pressi del casello 33, in direzione Modena, riutilizzato come strada rurale (F. Ramponi, 2017)

  • Ex-casello tra Ravarino e Crevalcore (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello 33, tra Ravarino e Crevalcore, dove è stata recentemente posizionata dai proprietari una vecchia locomotiva (F. Ramponi, 2017)

  • Ex-casello in via Panizza a Crevalcore, in condizioni fatiscenti (A. Giordano, 2015)

  • Ex-sedime nell'abitato di Crevalcore (A. Giordano, 2015)

  • Stazione di Crevalcore, lungo la linea Bologna-Verona, un tempo diramazione della linea per Porotto e Modena (A. Giordano, 2016)

  • Rilevato ferroviario ancora riconoscibile all'uscita della stazione di Crevalcore, in direzione Porotto (A. Giordano, 2015)

  • Binario che riaffiora tra la vegetazione all'uscita di Crevalcore, in direzione Porotto (A. Giordano, 2015)

  • Rotaie che riaffiorano dal terreno nei pressi di Crevalcore (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello trasformato in abitazione privata nei pressi di Crevalcore (A. Giordano, 2015)

  • Ex-sedime ancora armato nelle campagne tra Crevalcore e Decima (A. Giordano, 2016)

  • Ex-sedime tra Crevalcore e Decima, con il binario che affiora dal terreno e dall'asfalto (M. Martelli, 2008)

  • Ex-casello, divenuto un'abitazione privata, tra Crevalcore e Decima (A. Giordano, 2016)

  • Binario che affiora dal terreno nei pressi dell'ex-casello tra Crevalcore e Decima (F. Ramponi, 2017)

  • Ex-casello ben conservato ed abitato tra Crevalcore e Decima (M. Martelli, 2008)

  • Resti di una spalla del ponte sulla Fossetta delle Armi, tra Crevalcore e S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2016)

  • Ponte in ferro tra Crevalcore e Decima, in discreto stato di conservazione (M. Martelli, 2008)

  • Resti del ponte sul Cavamento tra Crevalcore e S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello abbandonato e fatiscente nei pressi di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Sede ferroviaria ancora riconoscibile nelle vicinanze di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Sede ferroviaria ancora riconoscibile, anche se invasa dalla vegetazione spontanea, nelle vicinanze di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Rilevato ferroviario interrotto da via Fossetta nelle vicinanze di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello n. 25 a S. Matteo della Decime, ristrutturato e divenuto un'abitazione privata (A. Giordano, 2015)

  • Altra immagine dell'ex-casello in via Virginia a S. Matteo della Decima, trasformato in abitazione privata (A. Giordano, 2015)

  • Breve tronco di ex-sedime inerbito nell'abitato di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Fabbricato viaggiatori della ex-stazione di Decima, in stato di abbandono (A. Giordano, 2015)

  • Ex-stazione di Decima, con la denominazione ancora parzialmente leggibile (A. Giordano, 2015)

  • Magazzino merci e piano caricatore della ex-stazione di Decima, in stato di abbandono (A. Giordano, 2015)

  • Magazzino merci della ex-stazione di Decima (A. Giordano, 2015)

  • Breve tratto di ex.sedime riconoscibile come strada sterrata a S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Breve tratto di ex.sedime riconoscibile come strada sterrata a S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Ex-casello parzialmente diruto alla periferia di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Altra immagine di un ex-casello parzialmente diruto alla periferia di S. Matteo della Decima (A. Giordano, 2015)

  • Ex-fermata di Morando, in discreto stato di conservazione (A. Giordano, 2016)

  • Vecchio fabbricato di servizio della ex-fermata di Morando, in stato di abbandono (A. Giordano, 2016)

  • Ex-sedime in corrispondenza dell'ex-fermata di Morando, divenuto una strada rurale (A. Giordano, 2016)

  • Ex-sedime trasformato in strada rurale nei pressi dell'ex-fermata di Morando, in direzione Porotto (A. Giordano, 2016)

  • Ex-casello tra la la fermata di Morando e Cento, in discreto stato di conservazione (F. Ramponi, 2017)

  • Ex-stazione di Cento, divenuta un'autostazione. In primo piano il deposito locomotive, che è invece abbandonato (M. Martelli, 2008)

  • Ex-stazione di San Carlo, in discrete condizioni ed abitata da privati (M. Martelli, 2008)

  • Ex-sedime tra San Carlo e Mirabello, riutilizzo per la viabilità minore (M. Martelli, 2008)

  • Ex-sedime tra San Carlo e Mirabello, divenuto una strada sterrata (M. Martelli, 2008)

  • Ex-stazione di Porotto: sulla sinistra si staccava la linea per Modena (M. Martelli, 2008)