Ferrovia S. Carlo - S. Ninfa - Castelvetrano

Scheda

Dati principali

Lunghezza: 73,36 km

Apertura: 1910-1931

Chiusura: 1959-1968

Ultimo gestore: Ferrovie dello Stato

Elettrificazione: no

Scartamento: 950 mm

Stazioni e fermate: S. Carlo, S. Giacomo di Sicilia, Sambuca di Sicilia, S. Margherita Belice, Belice, Cusumano, Salaparuta-Poggioreale, Gibellina, Rampinzeri, S. Ninfa, Partanna, Castelvetrano


Altre informazioni

La chiusura del tratto Salaparuta Poggioreale - Castelvetrano avvenne in concomitanza con il disastroso evento sismico che nel 1968 colpì la valle del Belice provocando danni significativi anche alla ferrovia.


Stato attuale

La sede ferroviaria è visibile per quasi l’intera estensione, generalmente utilizzata come strada campestre, ad eccezione del tratto Santa Margherita Belice - Salaparuta in cui è stata cancellata dalla realizzazione della strada a scorrimento veloce Palermo-Sciacca. Non mancano i tratti inclusi nei campi coltivati, soprattutto tra Partanna e Castelvetrano, dove il tracciato non è ben riconoscibile, o divenuti strade locali. La gran parte delle opere d'arte è in un discreto stato di conservazione: parzialmente crollato il ponte sul Belice. I fabbricati delle ex-stazioni e i caselli sono generalmente abbandonati e diroccati. Scomparsi quelli delle ex-stazioni di Sambuca di Sicilia, Salaparuta e Gibellina.

Mappa

legenda legenda legenda legenda legenda

Immagini

  • Ex-sedime utilizzato come strada campestre nelle vicinanze di S. Carlo (F. Tedesco, 2011)

  • Rovine di un ex-casello verso il termine della linea (F. Tedesco, 2011)

  • Rudere di un ex-casello tra S. Carlo e S. Giacomo (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-viadotto ben conservato tra S. Carlo e S. Giacomo (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-sedime nelle vicinanze di S. Giacomo di Sicilia, divenuto una strada rurale (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-stazione di S. Giacomo di Sicilia, in stato di abbandono (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-stazione abbandonata di S. Giacomo (G. Senes, 2004)

  • Ex-sedime nelle vicinanze dell'ex-stazione S. Giacomo, con un casello parzialmente crollato (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-sedime, divenuto una strada rurale, tra S. Giacomo e Sambuca di Sicilia. In quest'immagine un passaggio in trincea. (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-casello abbandonato e parzialmente crollato tra S. Giacomo e Sambuca di Sicilia (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-galleria nei pressi del fiume Belice tra S. Giacomo e Sambuca di Sicilia, utilizzata come strada rurale (F. Tedesco, 2011)

  • Ponte ferroviario nei pressi del fiume Belice tra S. Giacomo e Sambuca di Sicilia (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-viadotto ben conservato tra l'ex-stazione di S. Giacomo e Sambuca di Sicilia (G. Senes, 2004)

  • Ex-casello parzialmente crollato nelle vicinanze di S. Margherita Belice (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-sedime inerbito tra Sambuca di Sicilia e S. Margherita Belice (G. Senes, 2004)

  • Edificio abbandonato nei pressi della ex-stazione di S. Margherita di Belice, probabilmente adibito a uso ferroviario (F. Tedesco, 2011)

  • Particolare delle finestre della ex-stazione di S. Margherita di Belice (F. Tedesco, 2011)

  • Ex-stazione di S. Margherita di Belice, in stato di abbandono (F. Tedesco, 2011)

  • Ponte sul fiume Belice presso Salaparuta, parzialmente crollato (G. Senes, 2004)

  • Ex-galleria abbandonata sotto l'abitato fantasma di Salaparuta vecchia (G. Senes, 2005)

  • Viadotti ferroviari abbandonati tra Salaparuta vecchia e Gibellina vecchia (G. Senes, 2004)

  • Ex-sedime, in discrete condizioni, nella campagna attorno a Gibellina vecchia (G. Senes, 2005)

  • Ex-sedime, usato come strada campestre, nei pressi dell'ex-stazione di Rampinzeri (G. Senes, 2005)

  • Ex-sedime nella campagna attorno a Partanna (G. Senes, 2004)